TrekkingAbruzzo è il frutto di una coinvolgente passione di tre grandi amici che amano camminare nella natura: muoversi in ovattati paesaggi invernali o tra fioriture che destano meraviglia; seguire le tracce di un animale selvatico o percepire il silenzioso volo di un rapace; assaporare il piacere della lentezza e della tranquillità; ascoltare il suono del vento e il canto dell’acqua; apprendere la voce della notte ed udire il silenzio degli astri e, di ritorno dalle escursioni, fermarsi a scoprire i luoghi ricchi di storia e di cultura o a gustare i prodotti tipici della cucina della zona. I tre amici, Maria di Gregorio, Giovanna Verrigni e Gino Delle Noci camminano insieme da anni esplorando i meravigliosi territori del nostro Paese. Oggi la loro esperienza, unita al percorso formativo di Guida Ambientale Escursionistica AIGAE (Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche) diventa professione e consente loro di mettere capacità, conoscenze e competenze tecniche a disposizione di quanti desiderano lasciarsi emozionare da paesaggi mozzafiato e vogliono scoprire la flora, la fauna e le tradizioni dei diversi luoghi. Se vuoi unirti ai tre amici e sei interessato a passeggiate ed escursioni, che tu sia esperto o alle prime armi, che tu sia un adulto o un giovane, le tre Guide Ambientali Escursionistiche progetteranno l’itinerario che fa per te. Seguici per ora sulle prossime uscite in programma, presto i nostri progetti li troverai sul sito che stiamo realizzando.

3 Prossimi eventi

Ordina per

Alpi Venoste: da rifugio a rifugio sotto il soffio dei ghiacciai Trekking itinerante, facile e affascinante nel grandioso regno delle vette di confine con l’Austria: le Alpi Venoste in italiano, le Otztaler Alpen in tedesco. Sono una sottosezione delle Alpi Retiche e si estendono dal Passo di Resia a ovest al Passo del Rombo a est; mentre la Val Venosta le delimita a sud e la Otztal a Nord. Sei giorni di cammino, cinque notti in rifugio, per vivere un’esperienza meravigliosa, su sentieri mai affollati e sospesi tra le vette scintillanti dei ghiacciai e le vallate verdissime e incassate dove scorrono ruscelli tra sassi dalle mille sfumature cromatiche. E’ un trek ad anello da Maso Corto, nel comune di Senales (Bolzano), al turchese lago di Vernago, con sentieri sempre in quota che si snodano tra i 2500 e i 3000 metri. La quota più bassa è quella di Vent 1898 m, unico piccolo centro abitato austriaco che attraverseremo. Due le deviazioni possibili dal sentiero principale: la prima, dallo Hochjoch Hospitz lungo il sentiero Delorette verso la Brandeburger Haus, senza raggiungerla perchè è “un rifugio immerso in un giardino di cristallo”; così definito da Fabio Cammelli. L’altra dal rifugio Similaun verso […]

Il canto dell’acqua nella magica Valle delle Cento Cascate Facile escursione tra le più belle e suggestive sui Monti della Laga, dove le lastre di rocce arenarie e l’acqua che non riesce a penetrarle animano un fantastico gioco di ruscelli, scivoli e cascate tra rigogliosi e verdi pascoli e la faggeta centenaria. Il cammino inizia da Cesacastina, piccolo borgo nel Comune di Crognaleto situato a 1141 m slm e la meta è Fonte Mercurio, una sorgente situata a 1759 m slm nel mezzo del grande anfiteatro che si apre verso il monte Gorzano e racchiuso tra la Costa delle Troie e la dorsale della Laghetta. Lo spettacolo è assicurato per tutti e gli appassionati di fotografia vivranno una giornata indimenticabile in questo ambiente naturale unico, dove non mancheranno di fare bella mostra le fioriture d’alta quota con le splendide orchidee spontanee. Difficoltà: E – Escursionistico Dislivello 600 m Tempo di percorrenza 5/6 h a/r compreso le soste Equipaggiamento: zaino, scarponi e bastoncini da trekking, strati termici, giacca a vento impermeabile, cappello e guanti, crema solare, occhiali da sole, cappello estivo, borraccia per l’acqua. Facoltativi il binocolo e la macchina fotografica. Il pranzo sarà al sacco, autogestito. Appuntamento: ore 7:30 parcheggio […]

I giardini del monte Porrara nel parco nazionale della Majella Spettacolare percorso di cresta che dal Quarto di Santa Chiara, area naturalistica protetta nei pressi della stazione di Palena, sale fino alle formazioni rocciose delle Logge di Pilato e sempre per cresta sinuosa conduce alla grande croce di vetta. (2137m) Lo scenario è molto vario alternando boschi di faggio a nuclei di abeti bianchi e a radure tappezzate di fiori. Incredibile la ricchezza delle specie floristiche; sarà bellissimo curiosare alla ricerca delle splendide e numerose orchidee spontanee cercando di individuarne le caratteristiche per risalire al genere e al nome di ciascuna. Sia lungo la salita che durante la discesa i nostri occhi saranno rapiti dal paesaggio aereo e spettacolare che si estende fino alla costa adriatica e al mare ad est e la conca Peligna racchiusa tra le stupende montagne del Parco Nazionale ad ovest. Insolita ma entusiasmante sarà la vista di tutto il versante sud del massiccio della Majella, bella nella sua magnificenza. Scheda tecnica Difficoltà: E (Escursionistico) presenza di tratti sdruccioloveli Dislivello: 900 m circa Lunghezza: 11 km Durata: circa 6 ore (comprensive di soste) Equipaggiamento Equipaggiamento: zaino, scarponi e bastoncini da trekking, strati termici giacca a vento […]