I benefici del camminare (quelli veri)

No, non sono qui per raccontarti le solite cose. Quali siano i benefici del camminare ormai li sappiano tutti.

Ce li troviamo sotto gli occhi a destra e a sinistra, nei tg, sui blog di salute, su facebook e se segui la pagina di Trekking Ways sai che ho pubblicato spesso articoli di questo genere.

Non ha voglia di andare in palestra? Cammina!

Sei stressato? Cammina almeno 5 km!

Vuoi più creatività? Cammina nella natura!

Giusto per essere chiari, nessuno nega che tutte queste cose siano vere. Anzi, verissime. Credo profondamente a tutti i benefici del camminare che vengono spesso citati: la tonificazione muscolare, il miglioramento della circolazione sanguigna e spesso si parla anche di prevenzione di malattie più gravi. Ma io non sono un medico e non sono certo qui per spiegarti questo genere di faccende!

In questo piccolo spazio dedicato al trekking e alle attività in natura, quello di cui voglio parlarti è molto più semplice.

Quello di cui vorrei parlarti è l’esperienza che ho testato sulla mia pelle. E  raccontarti come, da qualche anno a questa parte, la qualità della mia vita sia realmente migliorata.

Grazie al trekking.

C’era una volta la domenica al centro commerciale

Hai presente quando non fai altro che aspettare il weekend per avere finalmente qualche ora libera, per dedicarti a qualche piacevole attività, agli amici, al sano divertimento? Hai presente quando poi arriva, quel tanto atteso weekend, e poi non sai bene nemmeno tu come sfruttarlo per rigenerarti davvero dalla settimana lavorativa?

Io sì. E’ una sensazione che ho odiato per anni. A volte addirittura pensato che sarebbe stato meglio tornare a lavorare che “sprecare” quelle ore apparentemente preziose a strasciconi tra un divano e un centro commerciale.

Queste domeniche erano una specie di tortura. Non avevano senso, non mi facevano stare meglio, non tornavo al lavoro rigenerata ma più stanca di prima.

Cosa è cambiato?

Dal Trentino alla Romagna

Ho sempre amato camminare e ogni estate scappavo sulle alte montagne del Trentino o della Valle d’Aosta. Ma il destino mi ha voluto romagnola – e ringrazio il destino per questo! – dove più che sentieri ci sono spiagge e più che montagne c’è il mare. Quella misera settimana di vacanza all’anno era un miraggio, un’attesa infinita di qualcosa che sarebbe durato troppo poco.

E invece…

Ad un certo punto tutto cambia. Iniziano a spuntare le prime Guide Escursionistiche Ambientali, i primi gruppi di trekking, anche qui in un territorio che quasi tutti conoscono solo per il mare e le discoteche. E io che inconsapevolmente non stavo aspettando altro, mi unisco a loro. Finalmente si va a camminare!

Grazie a questi professionisti, le mie domeniche cambiano completamente. Scopro che esistono tanti luoghi bellissimi per camminare e tanti posti nuovi da esplorare, così vicino a casa.

Non sapevo che in Romagna ci fossero dei crinali così belli, e nemmeno che il Casentino fosse così magico. O che nelle polle cristalline si potesse fare il bagno e che mi sarei incantata a osservare i paesaggi cambiare colore da una stagione all’altra.

Ogni domenica ho cominciato a camminare in un luogo diverso. E alla faccia di chi della Romagna conosce solo il mare:  il nostro entroterra è ricco di castelli, borghi e strade dimenticate. Ogni angolo ha una storia affascinante da raccontare.

I benefici del camminare: puoi scoprirli anche tu

L’ho detto, nel mio inconscio non aspettavo altro. La miccia era lì da qualche parte e aspettava solo la scintilla per accendersi.

Ho cominciato a camminare tutte le domeniche  e finalmente sento di non sprecare il mio tempo libero, ma di utilizzarlo in maniera sana. Perché i benefici del camminare sono innumerevoli e puoi scoprirli anche tu, semplicemente camminando.

Camminare dà la possibilità al tuo corpo di muoversi, dopo troppe ore trascorse davanti ad un computer. Dà la possibilità alla tua mente di rigenerarsi stando all’aperto e in natura, specie dopo lunghe giornate passate dentro una scatola di cemento.

Camminare ti consente di scoprire posti nuovi che ti stupiranno, magari proprio dietro casa. Ti permette di allenare il tuo fisico e sfidare i tuoi limiti, ma anche di conoscere gente nuova e di vivere una giornata spensierata.

In altre parole?

Camminare ti fa VIVERE.

E se lo faccio io dalla Romagna, in qualunque luogo d’Italia tu sia, di certo puoi farlo anche tu senza dover aspettare le tue prossime vacanze: trova l’escursione più vicina a te e comincia…. a camminare!

Ambra

PS: Non sai come scegliere la tua prima escursione? Prova questo articolo!