Sardegna Sud Ovest con Nomos Trek

Da Sabato 20 Aprile 2019 a Sabato 27 Aprile 2019
(Pasqua)

Un territorio ricchissimo di occasioni per chi vuole scoprirla con i piedi. Il Sud Ovest delle Sardegna è uno scrigno di opportunità ed un’infinità di attrattive che permettono di programmare camminate , e nel contempo, di gustare le locali prelibatezze enogastronomiche

1 giorno
Appuntamento alle ore 11:00 a Cagliari davanti al Bar della Rinascente in Via Roma.
Visita al Sito Archeologico di Barumini.
Arrivo in B&B

2 giorno
Anello di Masua.e visita a Porto Flavia
Splendido itinerario che permette di scoprire il faraglione di Pan di Zucchero progressivamente. Bellissimi scorci della costiera sarda. Al rientro possibilità di visitare Porta Flavia.
Difficoltà EE – Dislivello 400 m – Lunghezza 10 km

3 giorno
Punte Santu Miali
Situate a ridosso dei confini che separano Villacidro da Gonnosfanadiga, questo massiccio è ritenuto la “Sentinella” del Linas che domina dall’alto la grande distesa Campidanese.Il massiccio montuoso del Linas sorge a sud-ovest della Sardegna, nella provincia di Cagliari e futura provincia del Medio Campidano, ed è compreso nella sua gran parte nei comuni di Villacidro e Gonnosfanadiga, con luoghi inaccessibili e impervi nella sua selvaggia bellezza.
Difficoltà E – Dislivello 650 m – Lunghezza 13 km

4 Giorno
Cavallini della Giara di Gesturi
La giara di Gesturi, nota anche come Sa Jara Manna, è un altopiano basaltico della Sardegna centro-meridionale. Dalla sommità dell’altipiano della Giara dal versante di Tuili, si può avere una visuale dominante su gran parte del territorio sardo. Nel parco si estendono rigogliosi boschi di querce da sughero, roverelle, lecci, olivastri e formazioni di macchia mediterranea.
La fama della zona è legata principalmente alla sua selvaggia e incontaminata bellezza, abitata da animali rarissimi. L’area è infatti frequentata dall’unico branco esistente in Italia e in Europa di cavalli selvatici meglio noti come “cavallini della Giara”. Di ridotte dimensioni, la loro origine è avvolta nel mistero, particolare che accresce il fascino di questi animali robusti e tranquilli.
Difficoltà T – Dislivello 100 m – Lunghezza 10 km

5 Giorno
Le miniere di Ingurtosu (da Pitzinurri a Piscinas)
Un viaggio nella memoria nel Villaggio di Ingurtosu l nome deriverebbe da gurturgiu, una specie di avvoltoio, o da ‘inghiottitoio’, forse riferito a scavi antichi. In entrambi i casi, definisce in pieno il quadro selvaggio in cui sorge. Incastonato tra aspre montagne, Ingurtosu, frazione di Arbus, da cui dista dieci chilometri, si trova nella valle de Is Animas, che si spinge sino alle dune di Piscinas, gioiello della Costa Verde,
Difficoltà T/E – Dislivello 100 m – Lunghezza 10 km

6 Giorno
Cascate d’Irgas
Trekking alla scoperta delle cascate più alte della Sardegna, camminando tra fitti boschi e spettacolari canyon di granito. La cascata ha un salto di circa 45 m e nasce da un orrido del monte Piscina Irgas che attraversa tutto l’altopiano di Oriddae che, scorrendo scende per tutta la vallata fino a confluire con il Rio Leni. Con il suo getto, visibile prettamente nella stagione invernale, dopo piogge copiose e abbondanti, crea una serie di vasche d’acqua naturali lungo quasi tutto il percorso del fiume Oridda.
Difficoltà E – Dislivello 400 m – Lunghezza 11 km

7 Giorno
Rientro a Cagliari e visita della Città “di pietra, nuda e in salita, simile a una Gerusalemme bianca”, così nel 1921 lo scrittore britannico David Herbert Lawrence descriveva Cagliari, città “quasi fantastica” racchiusa tra l’azzurro del mare e le rocce di calcare bianco. Fondata dai Fenici, colonizzata dai Cartaginesi, occupata dai Romani, contesa da Pisani e Spagnoli, governata a lungo dai Piemontesi, il capoluogo sardo conserva nei palazzi, nelle chiese, nelle opere d’arte, nella lingua, il segno della sua lunga e movimentata storia.

Per partecipare:
Quota sociale 550€ a persona: comprende la possibilità di 6 pernotti mezza pensione (HB) 6 cene (di cui una tipica Sarda) e pranzo al sacco. Sistemazione in B & B con camere doppie, triple + affitto di 1 o 2 pulmini (dipende dalle adesioni) per tutta la settimana. Non compresa nella quota i biglietti per visite ai siti Archelogici eventuali parcheggi a pagamento e il viaggio per raggiungere l’isola.

L’iniziativa e riservata ai soci dell’Ass. Nomos Trek in regola con il tesseramento.

Appuntamento Sabato 20 Aprile 2019 alle h 11:00 in Via Roma (al porto) di fronte alla Rinascente sotto i portici.

TRASPORTO: E possibile raggiungere Cagliari con l’Aereo e prendere il trenino che porta direttamente a centro città oppure prendendo la nave da Civitavecchia .
INFORMAZIONI : Chi avesse particolari intolleranze alimentari lo comunichi al momento dell’adesione. Per i non tesserati inviare comunicazione via tel/whashapp etc. con i propri dati: Nome, cognome, luogo, data di nascita e C.F.

La Guida si riserva il diritto insindacabile di modificare il programma stabilito in caso di condizioni meteorologiche avverse tali da rendere pericoloso l’itinerario, in caso di impraticabilità di un sentiero, in caso di impossibilità di un partecipante a continuare l’escursione per problemi fisici e/o psicologici.

Prenotazione: si effettua versando un anticipo di € 250 entro e non oltre il 31/01/19. Dopo questa data, le prenotazioni eventuali si accetteranno solo una volta verificata la disponibilità per il pernottamento. In caso di disdetta l’anticipo versato sarà recuperato solo se il posto verrà preso da un sostituto. I parteciperò sono graditi ma verranno presi in considerazione solo dopo conferma telefonica con una delle guide.

Per info e prenotazioni:
Daniela Simigliani cell. 338.8327117 o danielasimigliani@gmail.com anche con washapp