Lago Vivo: anfiteatro naturale di rara bellezza

La Valle del Sangro è il cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo. Il nostro cammino ad anello unisce idealmente due laghi diversissimi dell’area protetta, quello artificiale di Barrea ed il solo di origine naturale: il Lago Vivo. E’ un laghetto carsico “misterioso” situato a quasi 1600 m di quota che muta il suo aspetto ad ogni stagione e risente molto della copiosità o meno della neve caduta durante l’inverno.
Il sentiero attraversa un bosco magnifico di faggi centenari e la morena di un vecchio ghiacciaio. A 1542 m di quota ci attende il valico del Buon Passo con un’effigie della Madonna delle Grazie messa a protezione dei viandanti. Un breve cammino ci condurrà nel meraviglioso altopiano in cui è incastonato il Lago Vivo, dominato dalle cime dello Iamiccio, del Tartaro, dell’Altare e del Petroso che con i suoi 2249 m rappresenta la vetta più alta del Parco. Ci ritroveremo in una cornice di montagne rocciose e boschi di faggi antichi, ambiente tra i più popolati di animali selvatici di tutto il Parco Nazionale d’Abruzzo.
L’escursione continua attraverso la splendida faggeta del Serrone con impressionanti formazioni carsiche e poi con un panorama incantevole sulla Valle del Rio Torto e sul lago della Montagna Spaccata.

Scheda Tecnica:
Difficoltà E (Escursionistica )
Dislivello 500 m circa
Tempo 6/7h comprese le soste

Equipaggiamento: zaino, scarponi da trekking alti impermeabili, bastoncini da trekking, strati termici, giacca a vento impermeabile, occhiali da sole, crema solare, cappello, borraccia per l’acqua.
Facoltativi binocolo e macchina fotografica.

Pranzo al sacco, autogestito.

Appuntamento: ore 07:30 parcheggio cinema Arca per chi parte da Pescara; per gli altri appuntamento ore 9:30 ad Alfedena, bar “La Meta” nella piazza centrale

Quota di partecipazione: € 20,00

Per info e prenotazioni GAE AIGAE Coordinamento Abruzzo:
Giovanna Verrigni 338.3077205

Prenotazione telefonica obbligatoria entro le ore 17:00 di sabato 15 giugno.