Cominciare a fare trekking: che abbigliamento mi serve?

Vuoi cominciare a fare trekking ma non sai esattamente che abbigliamento o attrezzatura ti serve?

Con questo articolo vorrei darti qualche dritta per capire cosa acquistare (e cosa no) per la tua prima camminata!

Non aspettarti un articolo super tecnico o indicazioni di marche di abbigliamento sportivo: è piuttosto un articolo un po’ alternativo che vuole aiutarti ad… arrangiarti un po’,  specie se vuoi iniziare a fare trekking senza spendere fin da subito tanti soldi nell’attrezzatura.

Cominciamo?!

UNA NOTA DOVEROSA: queste indicazioni sono generiche ed adatte per le camminate che si svolgono a altitudini medio-basse e che hanno una durata di poche ore. E’ chiaro che in alta quota o in condizioni particolari (es. neve) l’abbigliamento dovrà essere rivisto e curato. La sicurezza prima di tutto! Informatevi sempre con la vostra guida che saprà darvi indicazioni più precise a seconda del percorso e del clima previsto.

Cominciare a fare trekking: l’ indispensabile

Comincia gradualmente e dalle cose più importanti.

L’unica cosa di cui non potrai mai fare a meno sono le scarpe da trekking: avventurarsi su terreni sconnessi con scarpe adeguate è puro buonsenso. Una normale scarpa da ginnastica non è sufficiente, la tua scarpa da trekking deve avere una buona suola scolpita ed essere impermeabile.

All’inizio potrai indirizzarti anche su prodotti a basso costo, a patto che siano confortevoli per il tuo piede: ricordati che i piedi sono il tuo mezzo di locomozione, se la scarpa fa male la camminata può risultare tutt’altro che piacevole.

La stessa cosa vale per le calze: bando a spugna, cotone, lana e simili. Meglio non rischiare le vesciche e dotarsi fin subito di una buona calza tecnica.

Lo zaino è la seconda cosa indispensabile per un trekking.

Ma quando sei alle prime armi, uno qualunque andrà benissimo. Davvero: vedo ancora gente in giro con i mitici coloratissimi zaini dell’ Invicta! Cerca di scegliere uno zaino che abbia gli spallacci larghi e lo schienale rigido o imbottito, sarà certamente più confortevole. Oppure anche in questo caso puoi orientarti sui prodotti a basso costo di quella famosa catena di articoli sportivi.

Ti servirà poi una giacca preferibilmente impermeabile. La pesantezza dipenderà molto dalla stagione in cui cammini.

Se non vuoi acquistare una giacca da trekking fin da subito, utilizza qualcosa che hai già a casa, meglio se sufficientemente compatta da poter stare dentro lo zaino: se affronti delle salite quasi certamente dovrai toglierla. Aggiungi un impermeabile leggero tipo K-Way da indossare in caso di pioggia e sei già pronto per cominciare a fare trekking.

L’abbigliamento da trekking

Per la scelta della maglietta (a maniche corte o lunghe a seconda della stagione) puoi optare per materiali sintetici che hanno la facoltà di asciugarsi in tempi molto più brevi rispetto al cotone, evitando di restare bagnati troppo a lungo dopo aver sudato. Porta comunque sempre con te una maglia di ricambio nello zaino per ogni evenienza.

I pantaloni  – lunghi o corti – è bene che siano anch’essi di un tessuto leggero che si possa asciugare velocemente in caso di pioggia. Evita i jeans!

Spesso può essere utile portare con sé un pile: ti proteggerà in caso di freddo, soprattutto durante le soste.

Altro che può servirti? Cappellino o berretta, guanti e protezione per il collo, ma qualcosa troverai sicuramente in fondo ai tuo cassetti.

3, 2 , 1… si parte!

Perché insisto con “l’arrangiarsi”? Perché cominciare è più importante che avere l’attrezzatura perfetta! E se proprio non puoi farne a meno, al prossimo Natale saprai già cosa farti regalare 😉

Che dici, sei pronto per cominciare a fare trekking?! (…o stai ancora cercando qualche scusa per non camminare?)

UNA NOTA DOVEROSA: queste indicazioni sono generiche ed adatte per le camminate che si svolgono a altitudini medio-basse e che hanno una durata di poche ore. E’ chiaro che in alta quota o in condizioni particolari (es. neve) l’abbigliamento dovrà essere rivisto e curato. La sicurezza prima di tutto! Informatevi sempre con la vostra guida che saprà darvi indicazioni più precise a seconda del percorso e del clima previsto.