106 Oggetti

Ordina per

Castagnando in Mugello (Fi) A raccoglier castagne e ammirare il foliage in terra dei Medici, che diede i natali a Giotto e al Beato Angelico, tra boschi di faggi e castagni, dolci colline, ulivi e deliziosi borghi ricchi di storia da visitare. Weekend 16 – 18 Ottobre ( 3 gg-2 notti ) – INFO e ADESIONI: 339 4386420 anche whatsapp                                                                                                  PROGRAMMA Venerdì  16 Ottobre :  Arrivo a Vicchio (Fi): escursione di trekking ad anello percorrendo il “Sentiero dei Pittori” che attraverso dolci colline arriva  alla suggestiva Casa di Giotto,  immersa nel verde e con splendido panorama sulla piana del Mugello e fino al Monte Falterona- dove nasce l’Arno – nel Casentino.  Lunghezza: 9 km circa – Difficoltà: T/E – Dislivello: 100 mt  Sabato 17 Ottobre:  Escursione nei boschi fino al castagneto dove ci cimenteremo nella raccolta delle castagne. Salsicciata davanti al fuoco nel castagneto, naturalmente con caldarroste e buon vino. Lunghezza: 9 km circa – Difficoltà: T/E – Dislivello: 300 mt Domenica 18 Ottobre: Escursione di trekking nei pressi del bel borgo […]

PROGRAMMA: Sarà una piacevole e sorprendente escursione alla scoperta del Monumento Naturale del Lazio “Gole del Farfa” (area naturale protetta) situato tra il territorio di Castelnuovo di Farfa e quello di Mompeo; è un percorso di trekking adatto a tutti, sia per grandi che piccoli (>7 anni), di media difficoltà, con poco dislivello, che si snoda partendo dalla cittadina di Castelnuovo di Farfa (358 m s.l.m.), per poi discendere sino ed arrivare al fiume omonimo (affluente di sinistra del Tevere) che costeggeremo ! Il punto di partenza sarà al Museo dell’olio, dalla strada asfaltata scenderemo a piedi nella vallata dove devieremo per una sterrata e ci incammineremo lungo un bel sentiero, a tratti leggermente scivoloso, fino ad arrivare sull’antico ponte medievale (qui osserveremo anche i resti del ponte Romano) che un tempo collegava gli abitati di Mompeo e quello di Castelnuovo di Farfa. Oltrepassato il ponte (dove faremo molta attenzione poichè non ci sono parapetti) gireremo sulla destra per risalire brevemente il fiume Farfa, andando verso la confluenza col torrente Montenero. Qui incontreremo i ruderi del mulino ad acqua noto come “Mola Naro Patrizi”, dove sono presenti e leggibili due pannelli didattici. Si tratta di un opificio idraulico tra i […]

Il Golfo dei Poeti Un weekend escursionistico che ci porterà a conoscere uno dei luoghi più amati dagli uomini, fin dall’antichità: dai Romani che ritenevano il Golfo dei Poeti così magnifico da meritarsi di essere luogo di residenza della Dea della Bellezza ai Poeti e Pittori che tra settecento e novecento scelsero questi luoghi per vivere ed ispirarsi: Byron, Shelley e molti altri. Ora la Spezia è diventata una grande città moderna ed importante porto del Mediterraneo. Ma i suoi dintorni non hanno perduto per nulla di fascino. Percorreremo i sentieri dell’Isola Palmaria e gli splendidi itinerari che collegano il Golfo dei Poeti alle Cinque Terre. Difficoltà E medio: escursioni in giornata con lo zaino leggero. Pernottamento a La Spezia in B&b o hotel. Info e prenotazioni scrivendo entro il 1 ottobre a ecoesplora019@gmail.com

“Il trekking dei laghi molisani” è un viaggio a piedi con quattro giorni di cammino, più due giorni per venire in e andar via dal Molise. Il percorso mette in connessione gli ambienti preappenninici dei laghi di Occhito e di Guardialfiera e arriva fino al mare Adriatico. Inoltre, permette di conoscere ben tre Regi Tratturi: dal Castel di Sangro-Lucera all’Ateleta-Biferno, passando per il Celano-Foggia. Il viaggio è caratterizzato dai lussureggianti ambienti rurali collinari, dall’architettura di alcuni piccoli borghi e di cenobi in aperta campagna, dall’ottima tradizione culinaria molisana, oltre che dall’unicità della comunità croato-molisana. Le singole tappe si svolgono su sentieri collinari e lungolago, oltre che sulla storica rete della transumanza del Molise, i cosiddetti Regi Tratturi. Il trekking è itinerante, con pernottamenti comodi in Bed and Breakfast, case vacanze e agriturismi. Il viaggio a piedi ha la caratteristica di essere naturalistico, storico-culturale, enogastronomico, folkloristico, esperienziale e con clima familiare. Piccoli gruppi da un minimo di 2 a un massimo di 12 persone. Per maggiori informazioni:  TEL (+39) 081 18894671 E-MAIL italia@viaggiemiraggi.org – www.viaggiemiraggi.org – CELLULARE (+39) 333 18 66 182 (anche WhatsApp) – E-MAIL info@molisetrekking.com – www.molisetrekking.com  

Valmalenco. I larici del pizzo Scalino. 18 ottobre Trekking in uno dei più bei e poco conosciuti angoli della Valmalenco per ammirarne il foliage. Camminare #apassolento per vivere “a fondo” momenti, esperienze che ci immergano nella natura, per esserne più consapevoli, più vicini, per meglio comprenderne il valore. Camminare fuori dalle logiche sportive e del turismo, camminare solo perchè farlo in natura ci fa star bene e perchè tutte le attività outdoor possono essere un ottimo modo per comprendere “che anche noi ne facciamo parte”: un mondo di pari. Per questo come sempre chiedo a chi vorrà unirsi a me di “prestarsi”, senza se e senza ma. Questa è forse la parte più difficile dell’escursione. potrebbe richiedere di spostarvi dalla propria zona di confort. Sappiatelo, se fosse, è tassativo. Dovrete fermarvi, prendervela comoda, calarvi nella situazione, stringere relazioni con gli altri e con ciò che vi circonda. Programma della giornata in Valmalenco Domenica 18 ottobre ORE 7. Ritrovo parcheggio Decathlon di Lissone. Ci troviamo nell’ultima fila di parcheggi che incrociamo se passiamo accanto all’edificio tenendolo alla nostra sinistra. Ritrovo alternativo da concordare lungo la strada per la Valmalenco. ORE 9.15 Inizio escursione ASCESA TOTALE: 500M D+ DISTANZA: 8KM DIFFICOLTA’: E […]

Una domenica avvolti dai colori meravigliosi dell’autunno a respirare aria buona a contatto con la natura, che in questo periodo così particolare aiuta tanto !

Un trekking ad anello nella meravigliosa Valmarecchia fra castelli, pievi, rocche e borghi medievali in un contesto naturale autunnale coloratissimo.

Cammino Materano – Via ellenica OTTOBRE 2020 Un cammino di 100 km tra Basilicata e Puglia lungo l’antica via Ellenica che collega Matera a Brindisi. Nove giorni a stretto contatto con la natura e la cultura di una terra ricca di storia millenaria, antiche tradizioni e sapori unici. Un viaggio alla scoperta dei tesori del Sud e della sua gente. 👇👇 DETTAGLI INFO E PROGRAMMA AL SEGUENTE LINK: https://www.viaggiemiraggi.org/viaggio/cammino-materano-lungo-la-via-ellenica-tra-basilicata-e-puglia/

PROGRAMMA: Sabato 24 Ottobre effettueremo una panoramica escursione ad anello che partirà dal valico del Tancia, dal parcheggio della rinnovata struttura ricettiva “Tancia Hostel House” (800 m) comune di Monte S.Giovanni, dove alla fine del medioevo fu per molto tempo la sosta più importante lungo la via del Tancia, principale via di collegamento tra la valle Reatina e la Sabina Tiberina, frequentatissima dai mercanti, dai pastori che praticavano la transumanza, e anche dai briganti. Tramite un breve tratto in discesa di strada asfaltata ci dirigeremo verso il ponticello nella vallata, risalendo poi lungo un bel sentiero che ci porterà alle famose “Pozze del diavolo”, spettacolo della natura scavato dalle acque del torrente Galantina dove cascatelle e piscine naturali ci coinvolgeranno !! Continueremo verso i pratoni di pascolo allo stato brado di Salisano fino ad arrivare al Casale Fatucchio dove ci sarà un’area attrezzata comoda con panche, tavoli e bracieri per pranzare e una freschissima fonte di acqua sorgiva, in questo punto sosteremo per il pranzo… qui vi preparerò una succulente grigliata cucinata alla brace con la legna del bosco: salsicce, arrosticini, radicchio, bruschette all’olio EVO biologico di Cantalupo in Sabina, bruschette con pomodori e bruschette con mortadella, dolcetti artigianali e […]

Vitorchiano, unico paese al mondo a vantare un’autentica statua Moai al di fuori della celeberrima Isola di Pasqua, è una magnifica gemma di peperino, incastonata in un prezioso diadema chiamato Tuscia. Passando per la cosiddetta “valle delle sculture”, giungeremo sulla cima dell’acrocoro che ospita il monumento naturale di Corviano: si tratta di un luogo davvero pazzesco, che oltre alle rovine di un antico castello, a strapiombanti abitazioni ipogee e ad una suggestiva necropoli, offre colpi d’occhio da capogiro sul territorio circostante, in grado di frastornare i camminatori più sensibili. Tornati nuovamente al borgo (sarà presente una “recondita sorpresa liquida” lungo il percorso di rientro), faremo una passeggiata nel suo caratteristico ed ameno quartiere medievale, tra chiese, piazze, fontane e balconi fioriti. Ci attende un’altra esperienza piena e rotonda, di quelle che imperlano il cuore. DATI TECNICI: dislivello: +/- 350 m – difficoltà: media (E) – durata: +/- 6 h (con soste) – lunghezza: +/- 10 km – profilo itinerario: anello. ACCOMPAGNATORE: William Sersanti – Guida Ambientale Escursionistica, iscritta al registro nazionale A.I.G.A.E. (tesserino n° LA273). COSA PORTARE: scarponcini da trekking e dispositivi anti-covid-19 (obbligatori), zaino, pranzo al sacco, acqua (almeno 1,5 litri a persona), cappellino da sole, repellente per insetti, […]