100 Oggetti

Ordina per

“Sulle vie della lana del Molise” è un viaggio a piedi con quattro giorni di cammino, più due giorni per venire in e andar via dal Molise. Il percorso ha lo scopo di far conoscere gli ambienti, la storia e le testimonianze architettoniche e culinarie della transumanza in Italia centro-meridionale, oltre che le sensazioni che i pastori itineranti vivevano attraverso il lento procedere dei passi e il susseguirsi delle diverse fasi di lavoro del giorno. Le singole tappe si svolgono sulla storica rete della transumanza del Molise, i cosiddetti Regi Tratturi e Bracci tratturali. Attraversano un territorio collinare caratterizzato dagli ambienti naturali di elevato pregio, dalla spiccata ruralità, dal silenzio dominante, dagli ampi panorami, dai minuti gioielli architettonici e storici e dai piccoli borghi ove è semplice stare a contatto con i locali. Il trekking è itinerante, con pernottamenti comodi in Bed and Breakfast e agriturismi. Il viaggio a piedi ha la caratteristica di essere naturalistico, storico-culturale, enogastronomico, folkloristico, esperienziale e con clima familiare. Piccoli gruppi da un minimo di 2 a un massimo di 12 persone. Per maggiori informazioni: (+39) 333 18 66 182 (anche WhatsApp) o info@molisetrekking.com o www.molisetrekking.com  

Pizzo Pernice, il suo crinale divide due mondi: da un lato il Parco nazionale Val Grande, regno della wilderness italiana, dall’altra il lago Maggiore. Escursione semplice e panoramica, non particolarmente lunga. Come sempre camminare #apassolento prevede di vivere “a fondo” alcuni momenti, ci immergeremo nella natura, per esserne più consapevoli, più vicini, per meglio comprenderne il valore. Questa è forse la parte più difficile dell’escursione. Richiederà tassativamente di spostarsi dalla propria zona di confort. Sappiatelo. Dovrete fermarvi, prendervela comoda, prestarvi, stringere relazioni con gli altri. PROGRAMMA DELLA GIORNATA IN VAL GRANDE Domenica 1 novembre Ritrovo nel parcheggio del centro sportivo di Bovisio Masciago (via Europa), ore 7. ALTRI RITROVI ALTERNATIVI EVENTUALMENTE DA CONCORDARE ORE 9. Inizio dell’escursione dalla località Cappella Fina. Il percorso è di bassa difficoltà (E). Adatto anche a bambini dai 10 anni in su, abituati a camminare 500 metri di dislivello 7 km lunghezza Dotazione individuale obbligatoria Scarponi da trekking o scarpe da trail running, k-way o antivento, pile o altro indumento caldo, un litro d’acqua,pranzo al sacco. Gel igienizzante e mascherina. Dotazione individuale consigliata Bastoncini da trekking (soprattutto se le vostre ginocchia soffrono in discesa). QUOTA INDIVIDUALE: 25 EURO 5 € per i ragazzi sotto i 14 anni […]

Colori e Suoni d’Autunno… Emozioni di cambiamento. Escursione guidata nell’Altopiano dei Sette Comuni per ammirare il foliage.

2° ATTO – MIRANDELLA, UN SOGNO SOSPESO SUL LAGO DEL TURANO Le suggestive rovine di alcune abitazioni sulla cima di una rupe calcarea, che offre un colpo d’occhio sensazionale sul lago del Turano e sulle gole dell’Obito, sono ciò che resta dell’antico insediamento di Mirandella, prima che i suoi abitanti lo abbandonassero per fondare l’odierna Ascrea. Eppure, quei pochi ruderi trasudano schegge di storia da ogni pietra, avviluppano ed ammaliano come il mitico canto delle sirene di Ulisse. I paesaggi che si attraversano, poi, sono di una bellezza inaudita, a dir poco disarmante: così tanta avvenenza, se non opportunamente dosata, potrebbe stordire chiunque. Un’esperienza di cammino sublime, per cuori bramosi di incanto e magia. DATI TECNICI: dislivello: +/- 400 m – difficoltà: media (E) – durata: +/- 5 h (con tutte le soste) – lunghezza: +/- 8 km – profilo itinerario: anello. ACCOMPAGNATORE: William Sersanti – Guida Ambientale Escursionistica, iscritta al registro nazionale A.I.G.A.E. (tesserino n° LA273). EQUIPAGGIAMENTO: scarponcini da trekking e dispositivi anti-Covid-19 (obbligatori), zaino, pranzo al sacco, acqua, k-way, bastoncini telescopici. QUOTA INDIVIDUALE: € 15,00 adulti – € 5,00 minori. PRENOTAZIONI: 339.8800286 (anche WhatsApp). RITROVO: Ascrea (RI), ore 10.30. L’indirizzo preciso verrà fornito in seguito. NOTA BENE: 1) […]

In Ciociaria olive, orsi e birdwatching sul lago Escursione esperienziale. Circa Km. 6, di facile difficoltà e con pochi metri di dislivello. Info e adesioni: Annalisa 339 4386420 (anche whatsapp) POSTI LIMITATI Raccoglieremo le olive, che poi porteremo a casa, in un podere con circa 50 piante. Scopriremo un semplice modo di conservarle per gustarle nei prossimi mesi come antipasto o utilizzarle nella cucina. Accompagnati da una guida naturalistica, in tutta sicurezza, avremo modo di vedere da vicino i 5 esemplari di orso bruno europeo che vivono nell’Area faunistica di 38 ettari a loro dedicata dentro l’enorme dolina carsica di Campoli Appennino Visiteremo il centro storico medievale di Campoli Appennino, sul versante laziale del PNALM, adagiato a m. 650 in un incantevole scenario naturale sull’orlo di una voragine, il “tomolo”, una dolina carsica dalla tipica struttura ad imbuto. Nel pomeriggio cammineremo lungo il Lago carsico di Posta Fibreno: acque turchesi, canneti e capanni di avvistamento, punto di ritrovo, di sosta e di nidificazione di oltre cento specie di uccelli e un’ isola galleggiante naturale che incanta e stupisce…. DETTAGLI Pranzo – facoltativo –  in una trattoria tipica a gestione familiare per gustare il tartufo – prodotto principe del luogo – […]

Calcando la Francigena: da Pont Saint Martin a Viverone Un weekend escursionistico per percorrere due tappe dello Storico Cammino tra Valle d’Aosta e Piemonte. Due splendide giornate che ci porteranno dal confine con la Valle d’Aosta attraverso i dolci paesaggi del Canavese, su e giù per vigneti e colline moreniche, fino ai confini con la Lombardia. Un tratto della Via Francigena adatto a tutti e ricco di evidenze storico artistiche oltreché naturali. Si pernotterà nella città di Ivrea, ora Patrimonio Unesco per il suo passato industriale Olivettiano ma anche bella per altri interessanti aspetti. Info, programma dettagliato e prenotazioni scrivendo a ecoesplora019@gmail.com

PROGRAMMA: Piacevole e sorprendente escursione alla scoperta dell’impressionante fenomeno naturale della dolina carsica del Revotano, dove scenderemo nella sua voragine verde-smeraldo ! Il Revotano (il rivoltato, il ribaltato) è un inghiottitoio, originatasi dal crollo della volta e delle pareti, che presenta delle spaventose proporzioni, 250 m di diametro e circa 150 m di profondità, ed è una delle formazioni carsiche più grandi e più importanti dell’Appennino centrale ! Caratterizzato da una folta vegetazione che ricopre la base del suo abisso e da enormi massi ciclopici e rocce crollate. Questo luogo mantiene intatto il fascino che da sempre possiede, ed è legato ad un’antica leggenda popolare: si narra che dove si trova il Revotano sorgesse, in un’epoca imprecisata, il nucleo originario della medievale Roccantica; a causa della loro blasfemia e assoluta mancanza di religiosità dei suoi abitanti, il villaggio sarebbe stato fatto sprofondare, dando vita all’immensa voragine. Si salvò solamente una fanciulla, unica con bontà d’animo, che da una voce divina fu avvisata dell’imminente punizione per tutti quei blasfemi, e fu proprio lei a fondare il nuovo abitato di Roccantica, nelle vicinanze di quello fatto sprofondare ! L’escursione partirà dal caratteristico borgo medievale di Roccantica (457 m) e ci inoltreremo da […]

Autunno sul Tevere in Sabina Da non perdere le mille sfumature dell’autunno riflesse sul fiume che questa escursione ci riserverà  nella Riserva Tevere-Farfa, dove cammineremo lungo le sponde del cosiddetto “lago di Nazzano”, formatosi a seguito della realizzazione di una diga sul Tevere. Faremo birdwatching dai capanni di avvistamento e pranzeremo in una delle aree di sosta attrezzate circondati da una natura incontaminata. Nel pomeriggio una meritata sosta e visita nel bel centro storico di Nazzano.  Lunghezza:  13  Km. circa (possibilità di fermarsi prima in una delle tante aree di sosta attrezzate)  Dislivello:  nullo      Difficoltà:  T (facile)                               INFO e ADESIONI: 339 4386420 Annalisa – anche whatsapp DETTAGLI Appuntamento:  ore 10.00  Sede Ente Parco Riserva Nazzano Tevere Farfa – S.P. Tiberina km. 28,100 Località Meana –                                                                                                                          […]

MONTE CATILLO, UNO SGUARDO SULL’ANTICA TIBUR Tivoli è nota, come è giusto che sia, per le sue straordinarie ville (Adriana, D’Este, Gregoriana), autentici capolavori architettonici. Ma il territorio tiburtino custodisce anche una perla di stampo naturalistico: la riserva di Monte Catillo. Percorrendo i sentieri dell’area protetta, si resterà estasiati nel contemplare, da un insolito punto di vista, il fiume Aniene e la “grande cascata”, l’acropoli coi templi di Vesta e della Sibilla, il santuario di Quintiliolo e, una volta giunti sul crinale di colle Giorgio, il borgo di Castel Madama ed i rilievi circostanti. Magica, poi, l’atmosfera che si respira all’interno della sughereta di Serevitola, uno dei pochissimi esempi di tale tipologia di bosco nel Lazio. DATI TECNICI: dislivello: +/- 350 m – difficoltà: media (E) – durata: +/- 5,5 h (con soste)  – lunghezza: +/- 11 km – profilo itinerario: anello. ACCOMPAGNATORE: William Sersanti – Guida Ambientale Escursionistica, iscritta al registro nazionale A.I.G.A.E. (tesserino n° LA273). COSA PORTARE: scarponcini da trekking e DPI anti-Covid-19 (obbligatori), zaino, acqua, pranzo al sacco, bastoncini telescopici (utili). QUOTA INDIVIDUALE: € 15,00 adulti – € 5,00 minori. PRENOTAZIONI: 339.8800286 (anche whatsapp). APPUNTAMENTO: Tivoli (RM), ore 10.15. L’indirizzo esatto verrà fornito dopo la registrazione ufficiale. […]

Andiamo in Valsolda perchè è una delle foreste più belle e meglio conservate della regione. Godremo di paesaggi mozzafiato sul lago di Lugano, boschi, montagne e d’un percorso emozionante e tutto da scoprire. Una giornata all’insegna del relax… con un pizzico di avventura. Camminare #apassolento per vivere “a fondo” momenti ed esperienze che ci immergano nella natura, per esserne più consapevoli, più vicini, per meglio comprenderne il valore. Camminare fuori dalle logiche sportive e del turismo, camminare solo perchè farlo in natura ci fa star bene e perchè tutte le attività outdoor possono essere un ottimo modo per comprendere “che anche noi ne facciamo parte”. Per questo come sempre chiedo a chi vorrà unirsi a me di “prestarsi”, senza se e senza ma. Questa è forse la parte più difficile dell’escursione: potrebbe richiedere di spostarvi dalla zona di confort. Sappiatelo, se fosse, è tassativo. Dovrete fermarvi, prendervela comoda, calarvi nella situazione, stringere relazioni con gli altri e con ciò che vi circonda. PS. Nella foresta regionale della Valsolda non è consentito portare con sè i cani. PROGRAMMA DELLA GIORNATA Escursione in Valsolda Domenica 8 novembre Ritrovo nel parcheggio del centro sportivo di Bovisio Masciago, in via Europa, alle ore 7. Ritrovo alternativo […]