100 Oggetti

Ordina per

Girotondo francescano 2020 Un trekking di quattro giorni tra Umbria e Lazio che, partendo dalle Cascate delle Marmore (TR), ci condurrà nella città di Rieti. Percorreremo alcuni tratti della Via di Francesco e in particolare, il secondo ed il terzo giorno, effettueremo una variante detta “degli Olandesi”, tracciata da un gruppo di pellegrini olandesi, e che da Ferentillo (TR), porta al bel borgo di Polino (TR) nell’Appennino umbro, per poi rientrare nel Lazio verso Poggio Bustone (RI). Incontreremo paesaggio naturali interessanti e vari (cascate, fiumi, colline e paesaggi montani), e luoghi rilevanti dal punto di vista storico ed artistico, come ad esempio Arrone, Ferentillo, ed il Santuario di San Giacomo a Poggio Bustone.

Vitorchiano, unico paese al mondo a vantare un’autentica statua Moai al di fuori della celeberrima Isola di Pasqua, è una magnifica gemma di peperino, incastonata in un prezioso diadema chiamato Tuscia. Passando per la cosiddetta “valle delle sculture”, giungeremo sulla cima dell’acrocoro che ospita il monumento naturale di Corviano: si tratta di un luogo davvero pazzesco, che oltre alle rovine di un antico castello, a strapiombanti abitazioni ipogee e ad una suggestiva necropoli, offre colpi d’occhio da capogiro sul territorio circostante, in grado di frastornare i camminatori più sensibili. Tornati nuovamente al borgo (sarà presente una “recondita sorpresa liquida” lungo il percorso di rientro), faremo una passeggiata nel suo caratteristico ed ameno quartiere medievale, tra chiese, piazze, fontane e balconi fioriti. Ci attende un’altra esperienza piena e rotonda, di quelle che imperlano il cuore.   DATI TECNICI: dislivello: +/- 350 m – difficoltà: media (E) – durata: +/- 6 h (con soste) – lunghezza: +/- 10 km – profilo itinerario: anello.   ACCOMPAGNATORE: William Sersanti – Guida Ambientale Escursionistica, iscritta al registro nazionale A.I.G.A.E. (tesserino n° LA273).   COSA PORTARE: scarponcini da trekking e dispositivi anti-covid-19 (obbligatori), zaino, pranzo al sacco, acqua (almeno 1,5 litri a persona), cappellino da sole, […]

Escursione avventurosa tra antichi mulini, calanchi, ponti a schiena d’asino e fonti d’acqua sulfurea. E per finire in bellezza il racconto “Il Posto delle Favole” narrato da StoryTrekking.

Una giornata per tutti, famiglie comprese, in una parte meravigliosa del Parco Sasso Simone e Simoncello (PU) con colori autunnali spettacolari.

i Pratoni di Monte Gennaro Escursione nel Parco dei Monti Lucretili  con piacevoli saliscendi in un bosco incantato. Si arriverà ai Pratoni, una grande e suggestiva piana verde con mandrie al pascolo, dove sosteremo per il pranzo al sacco con bella vista sul Monte Gennaro (m. 1271). Al ritorno meritata sosta a San Polo dei Cavalieri (Rm) e visita al bel borgo storico INFO e ADESIONI: Annalisa 339 4386420 – anche whatsapp                                                                                                      DETTAGLI lunghezza: Km. 9 ca  – dislivello: m. 200 ca  – difficoltà: T/E (medio-facile)  Appuntamento:  ore 9.40 a San Polo dei Cavalieri. Parcheggiare in Piazza Monsignor Iliano Tancredi. (Da Roma: Km. 50 ca – 1h ) Mezzi di trasporto: auto proprie.  Chi ha bisogno di un posto-auto o chi vuole condividere la propria  vettura con altro passeggero contatti il 339 4386420 Equipaggiamento: mascherina, igienizzante per le mani, scarpe da trekking, pranzo al sacco, telo per sedersi. Sono vivamente consigliati […]

2° ATTO – VITORCHIANO, CORVIANO E IL MISTERO DEL MOAI Vitorchiano, unico paese al mondo a vantare un’autentica statua Moai al di fuori della celeberrima Isola di Pasqua, è una magnifica gemma di peperino, incastonata in un prezioso diadema chiamato Tuscia. Passando per la cosiddetta “valle delle sculture”, giungeremo sulla cima dell’acrocoro che ospita il monumento naturale di Corviano: si tratta di un luogo davvero pazzesco, che oltre alle rovine di un antico castello, a strapiombanti abitazioni ipogee e ad una suggestiva necropoli, offre colpi d’occhio da capogiro sul territorio circostante, in grado di frastornare i camminatori più sensibili. Tornati nuovamente al borgo (sarà presente una “recondita sorpresa liquida” lungo il percorso di rientro), faremo una passeggiata nel suo caratteristico ed ameno quartiere medievale, tra chiese, piazze, fontane e balconi fioriti. Ci attende un’altra esperienza piena e rotonda, di quelle che imperlano il cuore. DATI TECNICI: dislivello: +/- 350 m – difficoltà: media (E) – durata: +/- 6 h (con soste) – lunghezza: +/- 10 km – profilo itinerario: anello. ACCOMPAGNATORE: William Sersanti – Guida Ambientale Escursionistica, iscritta al registro nazionale A.I.G.A.E. (tesserino n° LA273). COSA PORTARE: scarponcini da trekking e dispositivi anti-covid-19 (obbligatori), zaino, pranzo al sacco, acqua (almeno […]

Cammino e mercato contadino dedicati agli Stili di Vita Sostenibili. Seconda edizione di M’illumino di Meno nelle Terre Matildiche.

Splendori del Levante: le Cinque Terre Un weekend nello splendido ambiente del Levante ligure..quello pittoresco, romantico ed intatto! Le Cinque Terre, patrimonio dell’Unesco, sono uno ammaliante mix di Natura e Cultura che incanta il visitatore. I loro sentieri a picco sul mare, che collegano un villaggio all’altro, ci mostrano l’immane sforzo per adattare la Natura alle esigenze della sopravvivenza umana che ha sortito effetti di grande bellezza. Una proposta adatta anche a persone non troppo allenate. Una deliziosa pausa sul mare per esplorare quest’angolo d’Italia famoso in tutto il mondo. Difficoltà E medio-facile: escursioni in giornata con lo zaino leggero. Soggiorno in ostello oppure B&b, ostello o hotel. Info, programma dettagliato e prenotazioni scrivendo a ecoesplora019@gmail.com entro il 25 settembre

SABATO 10 OTTOBRE TREKKING IN SABINA: ESCURSIONE DAL MONTE TANCIA ALL’EREMO RUPESTRE DI SAN MICHELE ARCANGELO PROGRAMMA: In concomitanza al weekend escursionistico con pernottamento allo storico ostello Tancia, Sabato effettueremo una panoramica escursione ad anello che partirà dal valico del Tancia, dalla rinnovata struttura ricettiva “Tancia Hostel House” (800 m) comune di Monte S.Giovanni, dove alla fine del medioevo fu per molto tempo la sosta più importante lungo la via del Tancia, principale via di collegamento tra la valle Reatina e la Sabina Tiberina, frequentatissima dai mercanti, dai pastori che praticavano la transumanza, e anche dai briganti. Da qui inizieremo il nostro cammino su di una carrareccia già panoramica fino ad arrivare all’inizio di un sentiero che attraverserà una spettacolare e secolare faggeta, e poi fino a raggiungere la cima del Monte Tancia, la più alta montagna dei Monti Sabini (1292 m). Continueremo lungo la sua cresta panoramica e qui ci fermeremo per la sosta del pranzo dove gusterete panzanella romana + mozzarella di bufala + prosciutto e melone + dolcetti artigianali e l’immancabile vino locale ! Dopo il pranzo proseguiremo verso i resti della Rocca Tancia fino a giungere al meraviglioso eremo rupestre di San Michele Arcangelo, terminando poi […]